Alba sul Garda

Albeggia all'orizzonte
dietro la cima
innevata del Baldo,
a poco a poco svanisce
la sagoma della luna
il cielo è blu, terso,
la superba Rocca
dai perfetti profili
Sembra protrarsi
ad abbracciare il Lago
e il pescatore che ritorna.
Distesa sulle acque calme
Sirmione ancora dorme,
nel silenzio si spengono
gli ultimi lampioni.
Luccichio di rugiada
sull'erba del prato
sulle gemme dei vitigni
sul grano appena nato
sulle foglie degli ulivi
sui coppi delle case
mentre fumano i primi camini.
Quale pace, quale meraviglia
là brezza dell'aurora
si accinge a accarezzare!
Lo sguardo spazia
la dove scende il colle,
seminascosta tra i cipressi
una stella ancora accesa:
forse non è partita
oppure non è ritornata
tra le verdi fronde
a sbirciar curiosa
se alla luce del giorno
l'uomo e le sue culture
rispettano la natura.


Marisa Salodini




Altre opere di questo autore