La conchiglia de sua maestà La rosa

 

 

 

 

La conchiglia rosa fumosa de sfumante tenebrosa

La vie en rose lebbrosa di labbra e porporosa

Tu fossi nu poco almeno bella io sarei berluscona iddio in persona

Povera pòlvere posata sugli anfratti delle porpore

Nella mancanza o nell'eccesso tutale de pudore

Che in tutte a stagiuni quello sulo sempre te o sugni

Fa un monologo di pettirosa sgualcio

Mierda  surda nella bocca tua riposa a poesiosa

Che svaginia, pui scunfinia d'assurda ch'assurdante pure

Chi de quanti ne sugna i che ne vole fare de più a nun possa

Ma che s'aspetta d'essa fusa delle brume funne monne rosa

Monna monda mondata triste di tristissimo che  funno

Munno cunno linguo delle quali te lo sogni

Ma va cagare nella vie en rose t’appogia a francia a suddite

De totta immonna sguercia lercia monna di che lisa a quann'o’mai

Gli alimenti de suggere o minc hia suggete sta minchia

A  roma per intiero  a miezz a a piazza t’aspetta a un piezzo a piazza

Cancella a cella putrida de  troia ciude er cesso

Che t’ha fece a riscambiare a puesia per altra cosa abbandate ah di e bandisci

E fa na opera a ffine

O chiella opera de bbene

E pene de giurni de scaffali chieni e mierda

Dettroia a strunza

Cancella casomai a questua

Che non ha mai letto o visto manco  u  cazzo

 

Nota:    Pezzo di Merda.

 

Altre opere di questo autore