Demagogia per antropologi

demagogia per antropologi

 

la sfida

 

la vecchia guardia vuole lo scontro ideologico

evidentemente non sa proprio più dove guardare

 

 

 

re enzo stava al governo come il governo stava al re enzo

con concessioni dello stato della chiesa

ma in misura super : direttamente e inversamente proprorzionale

ma i tributi venivano esatti con la massima precisione, e col loro massimo previsto + le sanzioni e l'equità delle aliquote, così come le ideologie anche le più strane e assurde, brutta parola

che allora si nominavano delle corti fatte da formidabili contatori e revisori , contavano in tantissimi e dipendenti, forti in aritmetica per somme, addizioni e moltiplicazioni, e divisioni, addendi e addentellati vari per contare , per fare di precisione un calcolo nelle aliquite corrispettive a ciascun addendo indivisibile , solo quelli visibili.

La corte dei giullari di corte , come anche adesso , non mancava mai e poi mai, ed era composta da larghe frange, che aspiravano , in attesa di promozione , tanti che erano e d tutte le forme più svariate 

 

siamo al centro e nuovamente di una gravità oramai del tutto permanente

la storia non ha senso, così  la politica diviene filosofia e arte, ma quale arte del camerun?

dove non c'è nemmeno più una parte

 

pochi intimi e lui solo,  week can.   week on the week

 

aggiungerei soltanto  un faceculobook,  con dei benigni sempre presenti assenti, ovvero buffoneschi-idioti

e il centro classico di firenze, scartando del tutto prato,  ma anche pesaro e urbino

compresi i giochi balordi di parole. Bassano

dove a fano ci si tendea la mano così come anche a teano.

 

e hai voglia, tutte località e le più turistiche, quelle adriatiche, quelle tirreniche, io menzionerei anche fasano non so perchè di puglia, forte dei marmi, e milano marittima.  senza tralasciare una sola striscia di terrase rimasta ancora indenne, ma anche della penisola e degli arcipelaghi ispanici , baleando e sormontando.  ali baba di recente da qualche parte.

 

Poeti pagani e albergatori poveretti sempre in crisi.

forza lavoro e surmenage di chi fa le camere, di chi le disfa, e anche le chimere.

i cosiddetti stagionali.

chi ce l'ha, ce l'ha, chi non ce l'ha lo cerca, non è detto che lo trovi,

ma a molti viene da re enzo stesso regalato, o dai sui bravi. A cacal Donato non si guarda mai in bocca

dice un prverbio, laddov e, dove, dov'è, dove là ,  làddovè che trovi, c'è. laddove lànontrovi là non c'è

la meritocrazia a volte viene disprezzata, altre volte appare come la cosa più giusta, vedi anche i monti e i mari quando si succedono, e gli operati dei sapienti e dei giusti, a volte non si sa poi in base a che cosa possa venire davvero decretata e da che cosa, così come per tutte le altre . certo che se non sei sveglio, sei già fottuto comunque, questo veniva detto già prima ancora della renaissance. e della prima repubblica

 

esistono infatti i pre- revisionisti, ben preparati in tutte le materie e sono comunque sempre al centro

 

 ma chissà allora forse a quei tempi, c'entrava anche re lotario, ancora più forte e la lotary club. 

i club sono insomma importanti quelli per lo meno ristretti e aristorcratici.

 

una nota,  i servi e i padroni, così chiamati, ci saranno sempre, anche i leccaculi, sempre così chiamati

 della vecchia o/e della nuova guaria.  commistione di interessi e privilegi, gente dipartite dai dipartimenti delle partite, dai partiti  di-partito, poi dispersi, , forse anche di dublino.

 

O centomila parti, i politici si fanno attori, ultimamente è stato di nuovo rivalutato pirandello.

non era di firenze , firenze è roba stroboscopica ormai,  e con ardengo soffici,  oserei dire Morda

perchè rinchiudere campana , ma quel papini poi col muro dei gelsomii,   mentre invece un grande pratolini,  un cassola, fuori di testa favolistico, poi non saprei,  ma perseo e il minotauto propriono.

ecco che invece un pascoli, t'amo pio bove, anc'eso molto rivalutato utilamente e riscoperto, san mairo a pascoli, resta sempre fedele al re, alla monarchia, alla tibia.

 

- (un Grande Pascoli, Satira a parte, ma col massimo rispetto verso la sua poesia e non solo ,  Tra i Maggiori Poeti Italiani, da dove c'è solo molto da apprezzare e da imparare ) -

 

quel rinassence , lo Renzo lo magnifico però....non è proprio mica tanto attuale o forse invece si.

gli interesi se li curano e stirano al meglio per bene, congiure e medicei dei medici , storia.

 

che cazzo c'entra l'ideologia,   mi domandavo infatti.  l'ideologia èsempre stata una  e una sola,

anche se mascherata da altra

 

nota tre.  no c'è.

 

o meglio, ma chiunque tu sia,  ma va a cacare !  monarca compreso

Firenze, grande città, tra le pietà piùcare in italia, ovvero là la pietà non esiste forse, hammoil tamigi sule square, firenze capitale, bei tempi, lecartoline nonnvannopiù.,  beh, la miporti ,mi porti un Bacione a la Firenze, meglio la fiorentina, era radicale coi capelli rossi, carina ma di un paese , e manifestava nuda, frse aveva la pelliccia, e avvampata di calore, nuda, una bella medarda rossa. rossa ma di pelo beninteso e senza ideologie, arrossiva anche e raccolgieva firme, una di quelle medarde che non ti dico. proprio come le fiorentine al sangue, chissà che non siano vietate anche quelle adesso,  o a peso d'oro. bei tempi allora, forse si, anche re enzo

era tutto al di là da venire,  e tante e tante , tantissime altre cose.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

demagogia per antropologi

 

la sfida (anti e contro la cultura, la storia ,la tradizione )

 

la vecchia guardia vuole lo scontro ideologico

evidentemente non sa proprio più dove guardare

 

 

 

re enzo stava al governo come il governo stava al re enzo

con concessioni dello stato della chiesa

ma in misura super : direttamente e inversamente proprorzionale

ma i tributi venivano esatti con la massima precisione, e col loro massimo previsto + le sanzioni e l'equità delle aliquote, così come le ideologie anche le più strane e assurde, brutta parola

che allora si nominavano delle corti fatte da formidabili contatori e revisori , contavano in tantissimi e dipendenti, forti in aritmetica per somme, addizioni e moltiplicazioni, e divisioni, addendi e addentellati vari per contare , per fare di precisione un calcolo nelle aliquite corrispettive a ciascun addendo indivisibile , solo quelli visibili.

La corte dei giullari di corte , come anche adesso , non mancava mai e poi mai, ed era composta da larghe frange, che aspiravano , in attesa di promozione , tanti che erano e d tutte le forme più svariate 

 

siamo al centro e nuovamente di una gravità oramai del tutto permanente

la storia non ha senso, così  la politica diviene quale arte quella del camerun?

dove non c'è nemmeno più una parte

 

pochi intimi e lui solo,  week can.   week on the week

 

aggiungerei soltanto  un faceculobook,  con dei benigni sempre presenti assenti, ovvero idioti

e il centro classico di firenze, scartando del tutto prato,  ma anche pesaro e urbino

compresi i giochi balordi di parole. Bassano

dove a fano ci si tendea la mano così come anche a teano.

 

e hai voglia, tutte località e le più turistiche, quelle adriatiche, quelle tirreniche, io menzionerei anche fasano non so perchè di puglia, forte dei marmi, e milano marittima.  senza tralasciare una sola striscia di terrase rimasta ancora indenne, ma anche della penisola e degli arcipelaghi ispanici , baleando e sormontando.  ali baba di recente da qualche parte.

 

Poeti pagani e albergatori poveretti sempre in crisi.

forza lavoro e surmenage di chi fa le camere, di chi le disfa, e anche le chimere.

i cosiddetti stagionali.

chi ce l'ha, ce l'ha, chi non ce l'ha lo cerca, non è detto che lo trovi,

ma a molti viene da re enzo stesso regalato, o dai sui bravi. 

la meritocrazia a volte viene disprezzata, altre volte appare come la cosa più giusta, vedi anche i monti e i mari quando si succedono, e gli operati dei sapienti e dei giusti, a volte non si sa poi in base a che cosa possa venire davvero decretata e da che cosa, così come per tutte le altre . certo che se non sei sveglio, sei già fottuto comunque, questo veniva detto già prima ancora della renaissance. e della prima repubblica

 

esistono infatti i previsionisti, ben preparati in ttte le materie e sono comunque sempre al centro

 

 ma chissà allora forse a quei tempi, c'entrava anche re lotario, ancora più forte e la lotary club. 

i club sono insomma importanti quelli per lo meno ristretti e aristorcratici.

 

una nota,  i servi e i padroni, così chiamati, ci saranno sempre, anche i leccaculi, sempre così chiamati

 della vecchia o/e della nuova guaria.  commistione di interessi e privilegi, gente dipartite dai dipartimenti delle partite, dai partiti  di-partito, poi dispersi, , forse anche di dublino.

 

O centomila parti, i politici si fanno attori, ultimamente è stato di nuovo rivalutato pirandello.

non era di firenze , firenze è roba stroboscopica ormai,  e con ardengo soffici,  oserei dire Morda

perchè rinchiudere campana , ma quel papini poi col muro dei gelsomii,   mentre invece un grande pratolini,  un cassola, fuori di testa favolistico, poi non saprei,  ma perseo e il minotauto propriono.

ecco che invece un pascoli, t'amo pio bove, anc'eso molto rivalutato utilamente e riscoperto, san mairo a pascoli, resta sempre fedele al re, alla monarchia, alla libia.

 

quel rinassence , lo Renzo lo magnifico però....non è proprio mica tanto attuale o forse invece si.

gli interesi se li curano e stirano al meglio per bene, congiure e medicei dei medici , storia.

 

che cazzo c'entra l'ideologia,   mi domandavo infatti.  l'ideologia èsempre stata una  e una sola,

anche se mascherata.

 

nota tre.  no c'è.

 

o meglio, ma chiunque tu sia,  ma va a cacare !  monarca compreso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altre opere di questo autore