Profumo

 

Ho ancora il tuo profumo

tra le mani che odoro

ogni tanto tra i pensieri

che a te vanno.

E’ quel profumo antico

olandese e marino

che riconobbi subito

di quel primo amore

giovinetto, e il tuo rossetto

saporito come la tua pelle.

 

Quel profumo tuo garbato

un po’ dolce m’è rimasto

nella mente e tra le dita

perché intenso come il bene

che provai scambiando

quel primo bacio tenero

quel primo amore ingenuo.

 

 

 

Parte 2 (aggiornamento )

 

 che ti mangerei viva, cruda come sei , dolce come sei, giovane come sei, assaporando la tua pelle, addentando la tua carne, morsicandoti, e baciandoti ripetutamente, nel collo e nelle molli spalle, le tue braccia, i tuoi seni carezzandoli, nel tuo bel viso, angelo e pudico che sorride e sorridente come giocando gaia e vivace, divertitamente

giocando con la tua bocca e la tua lingua dolcemente baciandoti e con vigore, baciando il tuo corpo, le tue parti vive, dolci di sapore, i tuoi occhi, il collo, la tue carni più dolci dell’amore. Giocando di piacere nel tuo piacere, col tuo piacere, ti amerei , per ore ti amerei, poi ricomincerei  da capo,  poi fino alla fine ti amerei.

 

PaoloF 

Altre opere di questo autore