AMANTES

 

 

cammino sulle acque
dove non lascio orma
nel mondo che la terra
ha ormai perduto
e solo qualche foglia
piena di tramonti
si lascia ancor andare
senza direzione

in alto la mia mano
fa carezza al vento 
venuto qui in silenzio
da lontani mondi
e un timido sole
buca l'orizzonte
mentre di colore 
bagna il  mio respiro

resto lì in attesa
e ascolto il tempo
mentre assorto segna
il mio pulsare
poi come in un sussurro
l'aquila si acquieta 
posata a quella rupe
or che più non vola
sopra antichi sogni

ma ancora vagano
incessanti le mie labbra
nell'ombra di un vulcano
dove i sospiri 
inseguono decisi
la scia delle comete.





Altre opere di questo autore