IO TI PREGO DI ASCOLTARE

Strani ritrovi ,vertiginosi labirinti, spire di un serpente arcaico Cos'? che ti ha fatto sbandare come auto impazzita Cos'? che ti porta nel buio anche il giorno, col sole I puritani professionisti,sgranando verdi sorrisi, salmodiano come il tuo anguillaceo amante. La ragazza ? perduta!! Scomodo soprammobile non pi? intarsiato, inutile contenitore stracolmo. Ora piangi hai paura e ti chiudi E non parli non mangi con quel demone addosso che ti taglia, frantuma il tuo sonno e la vita Anche quella degli altri. Dammi ascolto, e la mano in quella che tendo. Voglio il modo,delicato ma certo per aprire la porta che hai chiuso Hai la chiave nascosta nel pugno Non tremare. Usiamola. Insieme

Altre opere di questo autore