RAGLIO

L'assenza che amo di te il nulla che sento il niente che vedo lo zero assoluto, rotondo, io canto stonata E suono Sfondando tamburi di carta TUA. Sar?, per sempre Malgrado te Stampata in quel cervello spugnoso che rigetta l'immagine e la nega, caparbio Malgrado me.

Altre opere di questo autore