Occhio regista

 

 

 

Occhio regista,

e macchina da presa

a selezionare

dalla confusione

di una scena

dettagli

di cui spettatori

disattenti

non si accorgono,

particolari

che rivelano

emozioni

trattenute.

 

Sguardi che si cercano,

si inseguono

o cadono sui piedi

per non farsi insistenti.

Pupille dilatate

e tremiti di palpebre e di ciglia

nell’imbattersi l’un l’altro

d’improvviso.

Labbra serrate

a non proferir parola,

braccia conserte

o distese lungo il corpo:

ci si difende

o ci si finge immuni

da sfide seducenti

padroneggiate a stento.

 

 

 

 

[16.05.2011]

Altre opere di questo autore