Pioggia amara

 

Nuvole nere e lampi di luci,
spaccano la volta celeste,
come se non riuscisse a tener dentro tanto dolore
il cielo s'incupisce e piange lacrime dolci.

Quanto vorrei in questi momenti
che ti ricordassi di me;
di quante gocce di  sale son cadute  invano
scivolando dalle mie gote fin sopra le labbra;
ancora arse e piegate all'ingiù
da un espressione che ha fermato il tempo.


Non ho mai urlato, non so esprimere rabbia;
non ci sono stati tuoni fragorosi
a farti capire quanto male avessi dentro.

Questo, forse, ti ha impedito
di vedere i miei occhi lucidi;
e così te ne sei andato senza mai voltarti...
Sono restata ammutolita, incapace, inerme,
inutilmente viva...

Altre opere di questo autore