L'ultimo uomo

Tutto incominci? una mattina che la sveglia non suon? all'ora stabilita. Un'ora abbondante pi? tardi si svegli? di soprassalto e si rese conto dell'enorme ritardo. Frettolosamente si lav? e si vest? precipitandosi con la sua auto al posto di lavoro. Se solo avesse avuto meno fretta ed avesse dato un'occhiata allo specchietto retrovisore avrebbe notato che stava succedendo qualcosa di terribile. Ma non lo fece.... Arriv? in citt? e parcheggi? in fretta correndo verso l'ingresso dell'agenzia assicurativa dove era impiegato. In quel momento cap? che quella non sarebbe stata una giornata come le altre... La palazzina che ospitava l'agenzia di assicurazioni... non c'era. I fabbricati ai due lati erano al loro posto, ma in mezzo c'era solo un campo incolto. Si guard? intorno ma la strada era proprio quella. Cosa c.... succede? Pens?. Dall'altra parte della strada c'era il bar dove ogni mattina faceva colazione prima di andare al lavoro. Entr? e salut? la cameriera che conosceva da anni non notando la faccia perplessa di questa. Al bancone chiese un bicchiere d'acqua ed un caff?. Poi, con finta indifferenza chiese. - ....che fine ha fatto la palazzina di fronte? - - Quale? - rispose il barista. - ...come quale? La palazzina delle assicurazioni... - ...assicurazioni? ... qui, che io sappia, non c'? mai stata nessuna agenzia di assicurazioni.... Forse ha sbagliato strada.... - ...Dai Mario... non scherzare... - disse al barista. Lo conosceva da tanti anni. - ...mi scusi... non uso prendermi certe libert? con persone che non conosco... le ripeto, avr? sbagliato strada.- Nel bar si fece silenzio. Tutti gli astanti lo guardavano con curiosit?. Imbarazzatissimo ma anche agitatissimo pag? la consumazione ed usc? in tutta fretta. Prese il cellulare e compose il numero di telefono dell'ufficio. - Attenzione! Il numero selezionato ? inesistente. Si prega di consultare l'elenco abbonati. - rispose una voce metallica. Doveva consultare un elenco telefonico, ma non aveva voglia di tornare nel bar, quindi entr? nel negozio di tabacchi due isolati pi? in l?. Chiese al commerciante l'elenco e nervosamente inizi? a sfogliarlo. Niente. Non esisteva nessuna agenzia di assicurazioni con quel nome... Si asciug? il sudore a freddo dalla fronte. Stava impazzendo? Usc? dal negozio e.... dall'altra parte della strada erano scomparsi tutti gli edifici lasciando il posto alla campagna! Ritorn? nel negozio. - ....ha visto fuori? Le case... tutte scomparse! - disse al tabaccaio. Questi, lo guard? come se avesse di fronte un pazzo. - ...di quali case parla? - - Come di quali case parlo?.... - rispose stizzito - ...l? fuori...un attimo fa era pieno di palazzine... ma che vi prende a tutti? - - ...veramente l? non c'? mai stato nulla... ? sicuro di stare bene? No. Non era sicuro di stare bene. Non era pi? sicuro di nulla... Usc? in strada e si rec? alla sua macchina. Prese il cellulare e compose il numero del suo medico. - Attenzione! Il numero selezionato ? inesistente. Si prega di consultare l'elenco abbonati. - Accese il motore dell'auto e sgommando decise di tornare a casa. Appena uscito fuori citt? lo sguardo gli cadde sullo specchietto retrovisore... Inchiod? con un colpo di freni l'auto. Scese e nel panico pi? totale guard? indietro.... La citt? era scomparsa! Accost? al bordo della strada per vomitare.... Era tutto un sogno. Un incubo! Non poteva essere altrimenti. Chiuse gli occhi e si diede un pizzico al braccio. Il dolore sembr? riportarlo alla realt?. Lentamente si volt? e... la strada era scomparsa con la sua auto! Il fiato gli mancava, le gambe gli stavano cedendo.... Attorno a lui la campagna. Una campagna incontaminata. Uccelli, fiori, alberi, la brezza di una mattina di primavera...Sembrava che il mondo non avesse mai conosciuto l'Uomo... Ed infatti era proprio cos?. Anche lui scomparve, con il suo terrore, i suoi ricordi, la sua vita. La Terra era priva della presenza umana. Un altro futuro l'attendeva... Forse un'altra razza si sarebbe evoluta, forse altri esseri avrebbero governato quel pianeta, forse rispettandolo di pi?....forse....

Altre opere di questo autore