TANUZZU E PINUZZA

(poesia dialettale Agrigentina)


Lu sciccareddu di la zia Rusalìa,
si chiama Tanu,
è troppu beddu e mi talìa.

Jòrno pì jornu mi porta un sciuri,
mi dici: "Teni Pina bedda,
ti lu dugnu cu tuttu lu me amuri!"

Ma la so' patruna è assai gilusa,
e va sparlannu ca sugnu lasda,
miii,... quant'è rudusa!!!

Natri semu viramenti 'nnammurati!
Comu facemu cu sta cristiana?
Nun putemu essiri accussì sfurtunati!

"Tanuzzu, ti pensu di la sira a la matina!"
"Pinuzza, ìu nun ti lassu,...
... 'a faccia so', facemu 'a fuitina!!!"


* * * * * * * * * *
Traduzione:

GAETANO E GIUSEPPINA*

L'asinello della zia Rosalia,
si chiama Gaetano,
è troppo bello e guarda me.

Giorno per giorno mi porta un fiore,
mi dice: "Tieni Giuseppina bella,
te lo regalo con tutto il mio amore!"

Ma la sua padrona è molto gelosa,
di me parla male, dice che sono brutta,
uffa,... quanto è fastidiosa!!!

Noi siamo veramente innamorati!
Come facciamo con questa persona?
Non possiamo essere così sfortunati!

"Gaetano, ti penso dalla sera alla mattina!"
"Giuseppina, io non ti lascio...
... e a causa sua, scappiamo via!!!"


*NB: Tanuzzu e Pinuzza,
sono vezzeggiativi dei nomi
Gaetano e Giuseppina


Altre opere di questo autore