immagina

Immagina. Immagina che sia inverno, che piova, che faccia freddo, che tu sia chiusa in casa da sola, i termosifoni siano di ghiaccio, i vetri delle finestre scomposti in migliaia di frantumi appuntiti, e tu non hai una coperta, n? un lenzuolo, n? uno straccio. Immagina. Immagina cha il vento soffi e che si insinui nelle fessure tra le assi sconnesse degli infissi e formi tumultuosi vortici nebbiosi che ti sbattano con violenza sui muri, sul pavimento, sui vetri, tritandoti le ossa ,che il gelo ha reso fragili come cristalli. Immagina che quest?inverno duri 9125 giorni. Senti il gelo bruciarti le carni? Senti le lacrime gelide e pungenti come migliaia di spilli? Senti il sangue diventare freddo e tagliente come lame che scivolano sotto la pelle? E poi immagina. Immagina che il sole esploda, che il fuoco regni, che la nebbia si sciolga, che il vento sia asciughi, che l?aria cominci a bollire. Immagina che ci? possa succedere. Domani mattina.

Altre opere di questo autore