Effemeridi

 

E' tornata

in questa notte chiara d'estate

la memoria di notti estive giovanili

passate supino sull'asfalto caldo del tetto

le effemeridi in mano

a guardare le stelle


e Orione fuggiva

senza che Diana neppure lo inseguisse

e le frecce sue stesse

cadevano dalla faretra

a trafiggergli il tallone

impedendogli perfino

la fuga




Altre opere di questo autore