E sono le citt? cariche di luce

E sono le città cariche di tracciati di luce
Solitarie e insicure sotto le notti orientali
Che nascondono palle d'addobbo
Verniciate di fresco rosso
Intorno alla morte che aspetta
E regala pallottole di piombo
A chi scende nelle strade della vita
E ha petto squarciato di spade diverse
Dove il rosso è rosso ed è sempre sangue
La notte di dicembre ha luce
Splende su altre città
E' felice l'amico che oltre gli addobbi forzati
Serenamente s'avvia ad un presepe

Voglio solo dire che è un ragazzo
Che porta sul suo corpo il dono della guerra
Tra le vive ferite una Madre
Ripone lo sguardo del Figlio
Come dono innocente
Innocente come il canto della gente
Che s'avvia all'antico presepe.

Altre opere di questo autore