Inspiegabile richiamo

Mi svegliava
quand'era ancora buio
quasi volesse da lontano
preannunciarmi
il giungere del sole
dietro le braccia
della notte.
Correva la luna
a salutarmi
invitandomi a scrivere
come fossi preda
di potenti incantesimi
trasportati da stelle
che arrivavano a frotte.
Parlare
e raccontarsi...
era tutto ciò
che mi invogliava a fare.
Scrivendo
il tempo scandiva
sino a volermi
tutta l'anima spogliare.
Nudo e scalzo
in quell'istante magico
percorsi le linee
d'ogni variopinta emozione
ascoltandone il mutamento.
Raccolsi lettere
per vestirle di poesia
attendendo l'arrivo
dell'inaspettato
vibrante sentimento.
A me scelse
di donarsi in gran completo
scomponendosi
in vocali e consonanti
ricamando versi
di luminosa ispirazione.
Nella mia essenza
venne inciso
all'unisono
ed all'infinito
il vestito della poetica
accettazione.
Scrivere...
era tutto ciò
che sognavo di svolgere
quale compito misterioso
dentro all'umano cuore.
Inesorabilmente
lievitava la voglia di comporre
ancor non sapendo
d'essere predestinato
nel far rifulgere
la medesima luce dell'amore.

Altre opere di questo autore