Nuda notte

Morto

il giorno

s'aprono

i cancelli della notte.

Attendo

che la luna spiona

fugga via

dalle mie rotte.

Solo

voglio giacere

nell'etereo

spazio d'amore.

Calda

l'atmosfera

s'impregna

di desideroso ardore.

Scaccio via

il maldestro vento

che bussa

agli occhi della casa.

Infastidire vuole

il piacere di gemiti

con audaci pensieri

di cui è invasa.

L'intimità

si prepara a ricevere

il tuo arrivo

con tranquillità.

Impaziente

il cuore sussulta

per abbracciare l'anima

della tua virilità.

Fremiti di libidine

m'assalgono al pensiero

di caldi baci

e carezze inattese.

Nessuna luce

pervade il cielo silente

né foglie svolazzano

in quelle lande distese.

Solamente

l'ombra di te...

sagoma d'un vorace uccello.

Plana sui sensi infiammati

di un sogno proibito...

ed è tutto più bello!

Altre opere di questo autore