Accade che

Palcoscenico di lemmi,

come acceso cerino,

vengon gettati a capofitto

sulla via degli incontri,

prefigurati dal crudele destino.

 

Emettere sentenze,

senza le parti ascoltare,

è regola comune,

imponendo decisioni

a chi mai le dovrebbe narrare.

 

Lungo il cammino,

sull’imprevedibile pista,

l’uomo diviene

alquanto inaffidabile,

maggiormente pessimista.

 

Soffrendo molto,

per ciò che si ode, 

piangendo e anche ridendo

d’ogni sciocchezza anelata,

qualcuno alfin si rode.

 

Immergersi occorre negli eventi,

lasciando fuori la ragione,

proteggendo l’anima

da intemperie, che distruggono

ogni forma d’umana emozione.

 

Così accade che,

agli occhi maligni della gente,

i buoni piangon sulle spalle

di falsi amici, senza accenni

al cuore ed alla mente.

 

Avanti andare devi,

senza alcuna comprensione,

rinascendo dalle ceneri

di un affetto, ricevuto

all’infinito e con passione.

 

Da un granello di sabbia,

il deserto verrà creato,

come la magia di un seme,

il cui calore, un prato fiorito,

in ogni dove, avrà generato.

Altre opere di questo autore