L'Orgia dell'Ottavo Orgasmo

Nel mezzo di un sospiro l'uno
l'ottavo orgasmo aspirato
ambiva a tornanti iniziatori.


Le carni calde in brocche di sudore
ammaliavano in lunghe frequenze
i nudi d'hashish e di vaporosi incensi
in un embolia di godimento
ed i piaceri dell'effimero giorno
fino ai porti e all'attraccare della notte.


E le vulve ubriache d'unguenti naturali
fiorivano l'eccitazione dell'insieme
nell'eccelsa attesa
di porre la voce delle fanciulle
al vento.


Fino al distorcersi della luna
in netta simbiosi
con gli animi appagati
e nel tempo dei vizi
rubavano gli ascolti


Ed infine ad aspettar la cena
si era già consumato il pasto

Altre opere di questo autore