UNA FRASE PER RIFLETTERE

Non c'è parola, in nessun linguaggio umano, capace di consolare le cavie che non sanno il perché della loro morte.

Mi chiama boemo

Armando Di Napoli
Mi chiama boemo prima di ogni morte gioventu`maculata dal tempo il tuffo di una farfalla suicida che annega in una mistura di alcool avvelenato... ancora divina e desiderosa di un'etica di sublime musicalita` il tempo padrone di ogni pudore la ricerca senza mistero la stella piu` luminosa maliconica coperta di gelosia per il tanto amore si suicida dietro al sipario logoro dell'infame vita sei seduta al centro del mio cuore traditore e` qui rimani in eterno contro ogni strazio d'immortalita` Baia Verde 25 Luglio 2002
COMMENTI
Ancora non vi sono commenti per quest'opera. Inserisci tu il primo.
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
GENERE: poesia
SCAFFALE: Altro
Opere pubblicate da questo autore: 31
athenamillennium.it © 1999-2019 - Tutti i diritti riservati | v.10.0
Sito realizzato da: Arti Creative