NOSTALGIA

NOSTALGIA Terra lontana dalle molte promesse, nuova, diversa e tutta la veste, vita colori profumo grida e gente, tutto si fonde e confonde in un tremito, compresso nel profondo del cuore. Stretto nel petto e la nostalgia del ricordo, non c? ? il rumore della citt? lontana, non c? ? l?amico che di mattino saluta, confusa ? la mente da uno strano silenzio. Immobile siedo sulla roccia tagliente, davanti al mare che fonde nel cielo, guardo l?onda rotolare potente, infrangersi sulla spiaggia rovente, piccole bianche nubi spinte dal vento, danzano nel cielo sbiadito dal sole. Solo sperduto nell?immenso del tempo, chiudo gli occhi per ritrovarmi con lei, mentre m?avvolge con il suo calore d?amore, sprigiona sconosciuto vergine profumo, libero fonde nell?aria limpida come cristallo, come un?ape di nettare s?inebria, di fiore in fiore danza cantando allegra melodia, con la dolcezza stupita nel cuore, che batte e batte mentre il tempo scivola via. Bruno Gasparri

Altre opere di questo autore