LA MIA FOLLIA

 
L'infinita miseria della vita
la solitudine del mondo
la caducità della fama che passa.
E poi la morte delle persone care
l'incombente paura delle malattie
il continuo vagabondare senza pace dell'uomo
acuiscono la mia sensibilità
ma accrescono i sintomi della mia follia.
Cupe ombre di pazzia
si addensano minacciose su di me
travestite da un'atmosfera di lucida estasi.
È il dramma della mia ansia angosciante
la disperazione di tutto il mio essere
forse creato da Dio
ma poi lasciato a se stesso
privo d'identità, privo di vita
impossibilitato di comunicare
di capire e farsi capire.

Altre opere di questo autore