TUTTA LA NEVE DEL MONDO

 

 
Sono giorni un po' contaminati

da una strana inquietudine,

sei forse stanca dei connotati

di questa nostra dolce abitudine?

Ho messo a posto le mie cose

ho mimetizzato il disordine

Se vuoi rifaccio le mie pose

nelle fotografie scattate con te

Se tu facessi delle mie rose

pane, marmellata e frappè

Se tu prendessi poesie e prose,

le mie, e ne facessi flambè

allora una bella mattina

staccherei la spina

mia bella signorina


E senza i tuoi occhi color castagna

me ne andrei in un bosco di montagna

a disperdermi

oppure me ne starei su una spiaggia

a far l'amore con il mare e la pioggia

per riprendermi

o sceglierei a mosca cieca sull'atlante

Un punto qualsiasi, basta che sia distante

per nascondermi

o semplicemente resterei sul fondo

sepolto sotto tutta la neve del mondo

ad astenermi

perché non amo che te

perché non amo che te!






Altre opere di questo autore