DESERTO DI GHIACCIO (la signorina Addio)

 

 
Rivedendo certi precedenti episodi

e le trame confuse nella memoria,

noti come al pettine arrivano i nodi

mentre per altri arriva la gloria...

Il cuore a valanga sepolto nella neve,

ridotta a catarro la tua voce,

la bocca che un amore più non beve,

il sole che brilla di una fredda luce.

Guardare ora una ragazza negli occhi

significa elevare montagne altissime,

la mente miete trappole e tarocchi,

miraggi di vite non più vivissime....


La signorina Addio ti fa l'occhiolino,

ti invita ad un bel volo nel vuoto,

la signorina Addio ti vuole vicino

con un salto nel buio, nell'ignoto...


Dov'è finito il paroliere dei tuoi guai,

dove sono le sue parole così scarse?

Quali versi adesso scriverà mai

dato che le sue storie eran solo delle farse?

Con lo sconforto in perenne agguato

cammini in questo deserto di ghiaccio,

il tempo perduto è ora latte versato,

il tempo rimasto ti riduce ad uno straccio.


La signorina Addio sorride maliziosa,

per la cronaca fa di nome Ormai,

agita i suoi fianchi bella e pericolosa,

e vuole tutto, tutto quello che hai....


"Ah ma che sole è

un sole che non dà calore?"


Guardi e riguardi la voragine

e vedi la tua folle immagine,

si potesse prendere questo momento,

nascondersi, farlo contare fino a cento!


La signorina Ormai Addio aspetta,

fiduciosa e convinta che la seguirai....

Ma ti giri e riprendi la via retta

a caccia del paroliere dei tuoi guai......

Altre opere di questo autore