LA ROSA E LA SPINA

Tra la prateria cerchi una nuova identit? ma credimi non ne hai bisogno? Tu presente sempre nel sogno idea dolcissima senza alcuna volgarit?? Facevi la trasgressiva e non capivo perch?, tu con un sorriso di vera luce, peccato sottile che si traduce nella timidezza che si stringeva forte a te? Hai quella complicit? sempre rincorsa, una voce quasi da bambina, tu la rosa ed io la spina, una preda che vuole essere nella tua morsa? Fammi affogare nei tuoi sguardi, fallo prima che sia tardi e vengano le nuvole con i ricordi! Pelle su pelle in un gioco d?intensit? non mio, la passione dentro l?oasi, senza ricorrer a false estasi, un fluire di sudore e affetto che arriva all?oblio! Le labbra miele sulle labbra, mia dea segreta, poi il tuo fiore nascosto, no, non cambiare posto e non spogliarti che immaginarti,sai, mi allieta! Fammi affogare nei tuoi sguardi, fallo prima che sia tardi e vengano i corvi con i ricordi!

Altre opere di questo autore