MACERIE

MACERIE Perso in un labirinto di contraddizioni subdole mi trovo di fronte a delle macerie fatte di ricordi e di sogni caduti dalle nuvole, e pi? gi? pianti come intemperie? Che stranissima e dubbia sensazione di dej?-vu? Dovrei scavare per scovare cosa? Una risposta abusiva dentro il tempo che fu? Risposta su cui la mente chiusa chiosa? ?Mi girai e tu non c?eri pi??? Questa ? la mia vita! ?Mi rigirai ed eri di nuovo tu!? La mia sorpresa stupita! Questa ? la mia vita! ?Mi abbracciasti, mi baciasti ma poi, come impaurito mi staccai, come mai?? Questa ? la mia vita! Accarezzo lieve il fuoco di questo bizzarro sogno e mi ostino a farne una chirurgia, decriptando l?inconscio nel desiderio, nel bisogno per scoprirne la piccola acronistia di eventi lontani anni luce e vicini di anni bui? Dovrei scovare per non schivare cosa? Le risa divenute proiettili e gli sguardi avvoltoi? La mente forse mente e chiusa ? la chiosa! C?? un forziere ed ecco un biglietto: ?Paura di amare o paura di vivere?? E quatto quatto, come un gatto torno nel mio ghetto, nel mio adorabile rudere a rodere e a ridere!

Altre opere di questo autore