Ci voltiamo indietro guardando il palcoscenico del Mondo

Ci voltiamo indietro
guardando il palcoscenico del Mondo
che si apre
presentandoci un futuro incerto.

Grevi ricadiamo negli stessi errori
che riempiono gli oceani d'immensa solitudine
nella beltà di un mistero grande
che ancora non possiamo comprendere.

Non possiamo accettare respiri d'ingratitudine,
la bellezza che Dio ci ha donato va vissuta in amore,
in un abbraccio che unisce il Mondo.

Non possiamo accettare che  venga adombrata
dalle nuvole nere che vagano nella nostra mente
e oscurano gli abbagli azzurri del cielo.

Altre opere di questo autore