Gli occhi del falco vedono lontano

Gli occhi del falco vedono lontano,
aspettano in silenzio
l' ora che volge al tramonto.
Rinnegano la falsità
che offende la materia e lo spirito,
guardano gli echi di scelleratezza
dall' alto e nei loro stridi
si legge la disperazione del saggio,
l' ammonizione per gli uomini
a rispettare la natura e se stessi,
a riconquistare il proprio ego
schiavo dell' egoismo, per renderlo
libero di amare la creazione,
libero di apprezzare la propria libertà
nel rispetto e nella fratellanza,
nella felicità che l' esistenza dona
infondendo cose semplici
che inebriano la vita, come una nuova alba
che risveglia la natura
portando serenità interiore.
Armonia dell' anima che si accorda
alla grande orchestra dell' universo,
alla regola del divenire
che riempie l' infinito di nuove stelle.

Altre opere di questo autore