INVOLUCRO DI CARNE

Piccola anima
accartocciata dentro un involucro di carne,
il tuo respiro attraversa il petto.
C'è luce, c'è ombra.
Ancora luce e di nuovo ombra.
La mano ascolta il tumulo, l'ossessione.
La punta della penna solca il foglio.
Scrivi per te, scrivi di te.
Mi parli di una realtà che regna dietro tante porte chiuse.
Di sangue del proprio sangue.
Di verità custodite nel silenzio.
Fa tutto parte del gioco,
tu stai gelando ora!
Si può morire di disperazione,
la penna caduta per terra,
le braccia stese sul pavimento
mentre le ombre avvolgono ciò che resta di te.
Un involucro di carne e niente di più!
Solo un miserabile e insignificante involucro di carne.
Una mano ti abbassa delicatamente le palpebre,
il segno della croce
e subito dopo il nulla.
Non sono un angelo.
Non sono un demone.
Io sono la verità.
La verità a volte uccide.

Altre opere di questo autore