Prima che il tuo silenzio diventi terapia

Prima che il tuo silenzio diventi terapia e il mio cercarti rabbia voglia inesplosa purificata da canti e salmi che altro non celano se non l'impossibilit? d'essere vivi Prima che la sabbia abbia ricoperto la tua fotografia e le mie mani abbiano smesso di tremare per ritornare a stringersi e a stringere pezzi di carne appesi alle braccia vuoti lamenti di circostanza sfuggiti alla nebbia della mattina Vorrei fotografare un?alba e un tramonto due foglie appese all?albero prima di cadere un fiume che scorre placido e un torrente che si fa impetuoso un passero sul ramo un fiore che sboccia una strada deserta e quindi viva piena di ombre e di promesse di ricordi e di arrivederci Come la faccia di un uomo alla fermata di un bus di una mattina grigiastra con una borsa in una mano e la sua vita nell'altra

Altre opere di questo autore