Vanaera

Rimbombava l'ardore di una nuova era sulle teste chine e pendule di questo tragicomico mondo, il sangue putrido ed iniquo sacrificavo sull'altare del nuovo splendore. La mia funebre ira si scagliava su tutti i vostri maledetti corpi ciondolanti nella brezza del mattino, nel pomo della vostra presunzione sinistro il verme scavava la sua tana; e come tiranno l'angoscia ergeva la sua cupa fortezza nelle vostre anime. Negli abissi di desolante noia vi condannai, aspettando solamente la vostra rivelazione di virt?. Che sogno rinvigorente ch'io feci, ma la sorda indifferenza umana nulla teme e tutto vanifica.

Altre opere di questo autore