Scarpe e vita

Dentro le scarpe volano i sogni, sopra le scarpe pesa la realtà. E camminano inseguite da ali le suole che corrono sul marciapiede, i desideri di scarpe leggere da corsa di una giovane donna grassa e gonfia, amore brasato e speranze di rivincita mentre consumando suole più che calorie sul proprio destino o nella sua ingenuità, ipoteca il suo tempo.

Ognuno nelle proprie scarpe vorrebbe trovare risposte e c’è chi, partendo da una terra per raggiungere l’America in Europa senza casa, senza sapere dove andrà, attraversa un mare di sogni indossando due taglie di troppo, ma quello aveva e da quello parte col sorriso.

Chi l’America ce l’ha crede di averla, indossa scarpe troppo strette durante un’attesa, l’appuntamento è con l’ignoto precario lavoro, la borsa nel palmo della mano pesa e il panino nell’altra mano morde il tempo che non corre e vorrebbe non passasse mai, mentre le scarpe che stringono e luccicano non sono un problema se svegliano la mente alle risposte giuste.

Nelle scarpe corrono le fantasie di un uomo che potrebbe amare una donna e invece brama i suoi tacchi neri e lucidi, adora le forme ansimando per quello che osa solo sognare e chiedere a lei, senza raccontarsi nulla della verità che sopra osserva, beffarda la sua smania di vita lasciando correre il sapore del cuoio nel cervello di un uomo.

Nelle scarpe illuminate di luce riflessa una donna si abbraccia al suo uomo in nero, lungo i virtuosismi di un tango camminano dentro un sogno a memoria che dice poco se non lo conosci, mentre le suole di lui lasciano tracciate sul marmo ampie righe nere delle volte al ritmo del battito intenso dei cuori che discendono in scarpe che calcano la scena.

Altre opere di questo autore