si tù ì pparol mije (sei tu le parole mie )

Quann è viern o ciel s’ sculor

 i jurnat so piccirell assaije

cò scur’ e o fridd, fa cchiù mal ancor

nun s’ntì e pparol toje.

 “I love” na vot’ t’ ricett’

 po’ ncap’ a mè p’nsaije

 si napulitan e parl inglese?

nun è megli cà parla comm’ saije?

 rillè “ti amo” comm’ se rice a nap’l

… “t’ vogl’ bene” e si ci mette assaije

è proprij chell ca sent rint’ o cor’

a ier’, ogg’ e pure riman’

è over che  l’ammore nun s’ rice , s’ rà

i  vvot  fà piacere  pur’ rò sintì.

 Ngopp all’alber spuntav’n i primm fior

quann rint a l’anim  appicciast a primmaver

 po’, nziem quant n’ hamm passat !

ma è semp poch  o tiemp ra passion’

L’estat stev’è pà appiccià o primm sol’

 chè già s’nteve fridd rint o core

Tu sì a poesia che nun aggij scritt ancor

p’cchè p’ mè si tu i pparol.

 Mò cà  si luntan’e nun m può s’ntì

 vurrija sapè che almen si  f’lice

  “ Nun bort” ricev a nonn mija

i lacrim l’asciutt o tiemp!

 Chisà si è  over

 

Traduzione

Quando d’inverno il cielo perde i suoi colori

E le giornate sono molto brevi

Col buio e il freddo fa ancora più male

 non sentire le tue parole.

I love ti dissi una volta

Poi dentro di me pensai:

sei napoletano e parli inglese?

Non è meglio che parli come sai?

digli ti amo come si dice a Napoli

“ti voglio bene” e se ci aggiungo “molto”

è proprio quello che sento dentro al cuore

ieri, oggi ed anche domani

E’ vero che l’amore non si dice, ma si  dà

ma a volte fa anche piacere sentirselo dire.

Sugli alberi spuntavano i primi fiori

quando nell’anima accendesti  la primavera

poi quante ancore ne abbiamo passate

ma è sempre poco il tempo della passione

L’estate stava per accendere il primo sole

quando il mio cuore già sentiva freddo

Tu sei la poesia che non ho scritto ancora

perché tu sei le mie parole

ora che sei lontana e non mi puoi sentire

vorrei sapere solo se almeno sei felice

Non importa diceva mia nonna

Il tempo asciugherà le tue lacrime.

Chissà se è vero”

Altre opere di questo autore