Giulia dolce amica

Ti guardo negli occhi vecchi-di lacrime tristi mentre mi guardi,scoprendomi innamorata, carezzandomi con quel sorriso un po' falso e spinto dal mio sguardo. Sono qui mia Cara, seduta accanto ascoltandoTI mi dici piccole confidenze dettate dal cuore di chi sai,si,colui che hai conosciuto,ed ora sei il ponte del nostro amore- ascoltami senza giudicarmi,comprendimi fino alla fine,perche' non avro' limiti...nel dirti,sorreggimi se puoi,tu che sai filtrare tra me e lui la verita'... Anche in me tutto scricchiola,anche io a volte desidero un isola deserta dove poter solo guardarmi e non rendere conto di nulla a nessuno,ma e' follia, e lui lo sa,tu lo sai l'hai ascoltato mentre il suo passato l'ha trasformato e non ne e' fiero,nella sofferenza di questa vita, quante volte ti ha detto che non e' capace di assaporare carezze cosi' vicine da farlo vibrare, che non tutti quelli che lo avvicinano poi, scappano, Cara...mi prendo a cuore le mie fatiche di innamorata, perche' ora nel senso della vita che tu sai "difficile" l'unico portante rimane l'amore,ma se nell'amore non ci si riconosce... A volte mi sento una fatica da affrontare per lui,non e' cosa mia-non e' cosa mia! Vorrei sapere mia cara signora,se il suo cuore e' davvero pieno di me, carico di quella ricchezza che ti fa svegliare la mattina rinvigorito nel sapere che c'e' una donna che t'ama, vorrei sapere se nella mia vita piena di toppe e' lui l'aggiustatutto. Perche' dico questo? Soffia questo vento di primavera... canto le sue poesie di fantasia,ma nel profondo le faccio mie,e so con certezza che questa-fra le tue mani mia Cara non e' fantasia n? anonimato,mi ha commosso nel leggerla,mi ha svelato verita' che sapevo ma che leggendole,non so perche',mi hanno sconquassato l'animo e tu ora mia Cara,qui seduta al mio fianco,angelo delle mie giornate,mi riconosci come la sposa piu' fedele al mondo,nulla viene riconosciuto in questo schifo di mondo-ed io che ora ti dico che ogni fascino della sua andatura, che ogni sua idea si volge a mia riflessione,che ogni piccola parte dei suoi lamenti a me nascosti e da me avvisati volgono ad interesse,e se ti dico che non dimostra orgoglio per me, che non sa dire ti amo, se non con il corpo, ma io lo capisco e forse non mi basta...Cara...quanto lo amo e lui non lo sa! Cara, vorrei sapere quanto sono importante per lui per sentirmi importante io,vorrei sapere se il meccanismo di bugie inventate per avere uno spiraglio d'amore vale il gioco,ma da lui voglio saperlo...perche' io ne racconterei a centinaia. Cara Giulia tu l'hai conosciuto,lui parla di stanchezza,della luna che viene a baciarlo,e nel suo scritto spero di essere io quella luna-perche' tu sei in stanchi anni e lui parla come se foste coetanei,ecco perche' lo capisci,ecco perche' lui affonda la sua distruzione nel mucchio di solitudine in cui vive. Mia cara,prendimi queste lacrime che sgorgo in sintonia con te,ora mi sento libera,scrivere e' liberta' interiore,e digli quando lo vedrai che sono importante perche' ora non saprei come fare per raggiungerlo... Un abbrraccio termina questo attimo. IO-"queste nuvole non durano" LEI-Cara...ti voglio bene falle durare,sono venute per un tuo fragile momento poi...verra il sole a riscaldarti,lo so... IO-ti riporto nella tua stanza pensa alla tua giovinezza io,avrei voluto essere con te. BACIO

Altre opere di questo autore