Plenilunio in giugno

Senza veli

la luna bianca

sembrò voler ridestare tutto

con la sua calda luce,

avvolta in un profumo d'erbe

e in canti di cicale languide

Si lasciò guardare

con stupore,

con voluttuosa vanità

rifletté la sua bellezza

nello specchio d'acqua

Poi la notte l'abbracciò

teneramente

e pian piano svanì con lei

nel chiarore del cielo all'alba.

Altre opere di questo autore