l mio primo sonetto

Si campassi cent’anni  -si campassi-        

saprebbe mai fa’ ‘na composizione                      

indo’ ce vòle assieme a la sintassi

nozzioni su chedè la costruzzione?                           

 

Ecco presempio: nun sia mai aspirassi

a scrive’ ‘na poesia, ‘no zibbardone

come un racconto, embè, che me sparassi

si ce riesco. Nun ciò l’istronzione!

 

Si capissi ‘ste cose gente mia,

l’aspirazzione mia, la più concreta

sarebbe quella de fa’ povesia.

 

Siccome ciò ‘na biro e ciò le deta

e poi ciò pure tanta fantasia,

adesso io ce provo a fa’ er poveta. 

 

 

 

 

Altre opere di questo autore