Progresso amaro

L’inteliggenza umana è quella cosa

che cià portati tutti a ‘sto progresso.

Ma si pensamo a quello ch’è successo

nun se pò vede’ er monno tutto rosa.

 

Perché mo ‘sto progresso ce conduce

verso ‘na reartà piuttosto amara:

l’òmo continua  -co’ la mente ignara?-

a consuma’ più de quer che produce.

 

Direte: -Questi so’ tutti li mali?

Si noi nun seguivamo ‘sto progresso

saressimo arimasti ar tempo stesso

ar livello de tutti l’animali!-

 

Ma è pure vero: tutta ‘sta ricchezza

da un po’ de tempo cià già messo in “forse”

presto ce mancheranno le risorse;

l’òmo ricascherà ne la monnezza.

 

‘St’umanità che se credeva eterna

e che s’è armata pe’ crea’ la pace,

si a mantenella nun sarà capace

potrebbe ritorna’ ne la caverna.

 

Allora vie’ spontanea na domanna:

nun era mejo avenne fatto senza

o  addopra’mejo quell’inteliggenza

e ave’ campato come Dio comanna? 

 

Ma a l’òmo, tutto questo qua je sfugge?

Lo sa indo’ va a fini’? Ne è consapevole?

losa de esse l'unico corpevole

e a anna’ avanti così s’autodistrugge?  

lo sa de esse' l'unico corpevole

e anna' avanti così s'autodistrugge?

Altre opere di questo autore