Respiro natura

 

  Oggi in cielo si sente il rimbombo

di un tuono che esplode lontano,

 cielo bibio, grigiastro, di piombo

e la penna mi prende la mano.

Caso strano, oggi questo grigiore 

al mio cuore non dà malumore.

 

Ho la penna che scrive da sola

e mi porta in pensieri soffusi;

ho la mente rapita che vola.

Guardo in alto con gli occhi socchiusi,

con lo sguardo che vago si perde

tra il fogliame, rapito nel verde.

 

Sarà forse quest’aria leggera

che mi rende il pensiero giocondo?

Me lo chiedo e così mi rispondo:

sarà forse perché è primavera.

Mentre il grigio ancora perdura,

me la rido e respiro…natura.

 

 

Nonostante quel grigio non posso

riuscire a piangermi addosso.

 

Altre opere di questo autore