Pensieri de pastore (comichetta)

Co’ lo zufolo in bocca un pastorello

guardava er celo. Mentre zufolava

co’ l’occhi assorti ner segui’ un ucello,

sett’otto vacche ar prato pascolava.

 

Ma er Padreterno -je scappò pensato-

che ha fatto tutto giusto,  però in fonno,

su ‘na cosa me sa che s’è sbajato

quanno che t’ha creato tutto er monno

 

Pensò a ‘st’ucello fermo su un aratro

e a quanto spazzio cià a disposizzione:

je basterebbe mezzo mezzo metro quadro

pe’ facce pranzo, cena e colazzione!

 

E invece lui co’ l’ali pò vola’

così dovunque appizza lui ce magna;

padrone de lo spazzio lui pò anna’

dar colle ar piano o giù pe’ la campagna.

 

La vacca, co’ la ciccia che cià addosso

e de l’ucello magna assai deppiù,

bruca quella poch’erba attorno a un fosso

o, tutt’ar più, pò anna’ poco più giù.

 

Te pare giusto questo? Io direi:

‘sta vacca che se sta a magna’ ‘sto prato

sarebbe giusto che volasse lei…

Er Padreterno è stato propio ingrato!

 

Pensava a questo già da un paro d’ore

ma senza de l’ucello ave’ sospetto,

che invece volò basso sur pastore

e j’ammollò indé un occhio un rigaletto.

 

 

Subbito je venì un idea bislacca:

-E si a vola’ ner celo der Creato

ce fosse stata ar posto suo la vacca?                                        

Sarebbe robba da mori’ affogato!-

 

Pure ‘sta vorta è stato dimostrato           

che se deve anna’ piano cor pensiero.

Lo pensi bianco e scappa fòra nero

quanno te metti a critica’ er Creato.

 

 

 

 

Altre opere di questo autore