L'òmo

Quann’era acqua o fanga, o quer che vòi,

l’òmo era amargamato cor Creato,

senza sape’ de esiste’ in quello stato.

Pe’ tutto quello che successe poi,

si annamo a cerca’ er vero a la radice,

sentimo quello che la Bibbia dice.

 

Quarcuno prese in mano ‘sta materia

e frabbicò un pupazzo e, a quanto sembra,

co’ un soffio l’obbrigò a move’ le membra.

Ma la cosa risurta assai più seria

che poi, -pe’ fa’ completa la magagna-

je prese un osso e fece la compagna.

 

E co’ ‘st’azzione completò er Creato.

Ma l’òmo, da quer giorno e fino a oggi,

-pure si Dio je concedé l’appoggi-

de quer regalo nun s’è contentato:

lui ‘sta natura fin da quella data

come j’è parso l’ha modificata.

 

E’ uscito da la grotta a pecorone,

s’è fatto un ber vestito artificiale,

‘na casa, ‘n atomobbile e le fiale

pe’ riempisse de droga, ‘sto fregnone!                 

Poi pure li quadrini t’ha inventato

pensa che furbo, e mo li dà a lo stato.

 

J’aveveno affidato ‘na fortuna:

l’arberi, l’aria, er celo co’ le stelle,

lui prima se vestiva co’ ‘na pelle

mo s’arampica fino su la Luna.

Fin dar tempo più antico fa er possibbile

pe’ inquina’ tutto quer ch’è commestibbile.

 

Na vorta respirava l’aria fresca

mo solo puzza. Ma tra un po’ la sorte

lo spignerà  -si vo’ evita’ la morte-                                          

a... attaccasse a la fava romanesca!

Perché a li giorni nostri è un paradosso

Vole’ torna’ a li tempi de quell’osso.                        

Altre opere di questo autore