La gita (riflessioni)

Si dovessi descrive’ che è  la vita

io lo farebbe senza esitazione

incomincianno da ‘sto paragone:

mettemo che uno parte pe’ ‘na gita...

Se parte. De la vita stai ar principio

e già te danno er nome in municipio.

 

Quella è la prima grossa fregatura

perché ‘sto fatto, guarda un po’, concide

cor fatto che nun sei te a decide’

allora o in ogni artr’epoca futura

come chiamatte. E ciò sta a dimostra’

la condizzione de la socetà.

 

E così, fino da li giorni verdi,

nun pòi sfuggi’ a le regole der monno,

che quelli che le fanno armeno ponno

trovatte sempre e fa’ che nun te perdi.

E quer che è bello, che lo sanno fa’

sempre ner nome de la libbertà.

 

Quello è l’inizzio de ‘na strada breve.

Breve perché, da quanno che uno nasce,

passa co’ un soffio er tempo de le fasce;

der latte bianco come fosse neve.

Ma te sei così giovane e incosciente

e de ‘sta sòla nun capischi gnente.

 

Ma er tempo passa e va! L’istituzzione

riserva già pe’ te quell’artra sòla

che consiste ner frequnta’ ‘na scòla

co’ la scusa de datte un istronzione,

perché si nun ce l’hai te nun sai lègge’

e allora te ne freghi de la legge.                         

 

De quer che studi n’hai da fa’ tesoro                                

perché sarai costretto quanto prima,                                              

pe’ guadambiatte pane, onore e stima,

buttatte anima e corpo ner lavoro.

E da quer giorno, è più che naturale:

nun scappi, che ciai er codice fiscale.

 

 E così t’hanno bell’e sistemato:

t’hanno attaccato un artro nummeretto,

perché da quanno scenni giù dar letto

quer che produci l’hai da da’ a lo stato.

E, è inutile a di’ che te ce scoccia,

te faranno artri buci a la saccoccia.

 

Ma er tempo scappa via, gira la ròta.

Te trovi preso drento un machinario

e sgobbi a uffa pe’ sbarca’ er lunario

come la capra dietro la carota,

fino a che poi l’istinto te consija     

de pijà moje e mette su famija.

 

E quello è un artro nummero che acquisti.

Caschi ner machinario e nun t’accorgi

che come Cristo l’artra guancia porgi

a quelli schiaffi. Ma però resisti.

Er tempo passa, cresce la famija

e sei sempre più schiavo de la brija.

 

Poi viene er frigo, vie’ er televisore,

crompi pure ‘na casa e hai da firma’

tante cambiali che dovrai paga’

lavoranno ogni dì ventiquattr’ore.

Sgobbi assai più de prima perché, vedi ?

Devi difenne’ quello che possiedi !

 

Poi, pe’ volere de l’istituzzione                                       

ciai bisogno de un mezzo de trasporto.

Te pensi che oramai sei annato in porto ?

No! Hai da pagacce l’assicurazzione.

Tanto che pe’ fa’ fede a ‘sti bisogni,

ogni le ròte, ogni, ogni, ogni...

 

Ciai quarant’anni e ancora er gallo canta

ma, ormai la strada è bella che tracciata.

Nun te lamenti, campi a la giornata      

fino che d’anni nun ne tenghi ottanta;

quanno che doppo ‘sta vita inconcreta

te la vedi scappa’ da tra le deta.

 

 Ma ancora te nun stai che a mezza strada.

Già nun ce credi più, però fai finta

che pe’ anna’ avanti ancora ciai la spinta,

ma maledici ‘sta vitaccia ingrata.

Voressi veramente avecce l’estro

pe’ sfila’ la capoccia dar capestro.

 

Ma l’estro nun ce l’hai, nun ciai favilla.

Te dichi che sei schiavo e ciai raggione

ma, resti chiuso drento ‘sta priggione

pure si l’animaccia drento strilla.

E così, so’ passati artri vent’anni

e te ancora ce soffri e te ce addanni.

 

Pensi co’ invidia a quer santone indiano

gnudo in montagna con un seme in pugno

-nemmanco stasse ar mare a fine giugno-

e un po’ de tera chiusa ne la mano,

senza magna’, a sede’ su quelli scoji

aspettanno ch’er seme poi germoji.

 

A quell’età capischi che ‘sti santi                                           

hanno sbrojato tutte le matasse:

famija, casa, nummeretti e tasse...

So’ libberi! E te ancora tiri avanti:

casa / lavoro, ancora fai la spola

ma, stai tiranno l’urtima cariola

 

Già da tant’anni ciai parecchi acciacchi,

te danno la pensione già da un paio,

adesso stai tranquillo ma, che guaio,

è arivato er momento che t’abbacchi.

Mo nun ciai più interessi né incentivo

e, che hai campato a fa’,  pe’ che motivo ?

 

Ecco, semo a la fine de la gita!

Pare che sia durata un dì e ‘na notte.

Quest’è er momento che te vai a fa’ fotte,

che chiudi l’occhi e che la fai finita.

Ma, te consola er fatto naturale

che armeno in questo semo tutti uguale ?..

Altre opere di questo autore