Risparmio d'energia

 

Da un po’ de tempo nun se parla d’artro

ma me sa che c’è sotto quarche imbrojo.

Risparmia’ l’energia che dar petrojo

deriva, a me me pare un gioco scartro.

 

L’idea sarebbe giusta e chi lo nega?

Però a fa’ caso bene a certe cose,

-pure si ‘ste parole so’ noiose-

me dovete da di’: come se spiega?

 

Presempio: li semaferi pe’ strada

regolati “dicheno” a onda verde

che la pazzienza te la fanno perde’

si a come che funzioneno se bada.

 

Lassi un incrocio e arivi a quello appresso

-manco ciannassi locco locco a piedi-

er semafero è verde e te lo vedi

diventa’ rosso. Pensa che successo;

 

pensa si che risparmio de benzina

a dovette ferma’ ogni momento.

Ma che è a dove’ subbi’ ‘sto gran tormento

che risparmiamo o un posto s’avvicina?

 

E li segnali? Pure qua so’ guai!

Te l’hanno appiccicati a ogni palazzo,

te fanno gira’ intorno come un pazzo

e indo’ hai da anna’ te nun ciarivi mai.

 

Poi sur cartello che vieta la sosta

‘mbè, de parole ce ne vònno a fiumi:

nun te fanno ferma’ così consumi

e so’ sicuro che lo fanno apposta.

 

Poi quanno è ancora fredda la staggione,                                    

dicheno che pe’ limita’ er consumo;

pe’ nun manna’ tanto petrojo in fumo

dovemo da smorza’ er termosifone.

 

 

 

 Io dico che,  sicuro, senza fallo,

loro lo sanno come dice er detto:

l’òmo cia freddo e vòle er fòco a letto

e se rifresca quanno che cià callo.

 

E dico pure che a smorza’ li lumi

ottieni solo “nun c’è via de mezzo”

che pe’ incassa’ lo stesso arzeno er prezzo

de quer poco petrojo che consumi.

 

E me domanno: perché nun se pòle

servisse d’energia più a bòn mercato?

Presempio: quer che nun ha mai inquinato

che pò esse: er GPL oppure er sole...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altre opere di questo autore