GRAZIE NATURA (riflessioni)

 

 Niscosta tra ‘na foja

e un ramo, la cerasa

era così persuasa

de stassene ar sicuro da ogni cosa.

Così, in mezzo ar fojame

vedeva tutto rosa.

 

Ma come tutto ha termine,

quanno che fu matura

ecco un infame:

un tizzio assai goloso de la frutta,

je fece un bucio e se la magnò tutta.

Quello era er vermine!

 

La vita è questa:

ner mezzo der fojame de la vita,

si nun te sai difenne

ce pòi lassa’ le penne,

perché c’è sempre quarche parassita

che te pò fa’ la festa

e allora sì, è finita.

 

Questo vabbe’ pe’ noi.

Ma la cerasa poi,

senza l’amico, quanno ch’è matura,

quarcuno va in campagna,

la coje e se la magna.

 

Grazzie natura

che a noi ciai dato ‘sto ber privileggio

invece che ar cilieggio!

Ma, ciai dato quarche artra fregatura...

 

 

 

 

Altre opere di questo autore