La fede (riflessioni)

LA FEDE                                                              

 

La fede... ma perché se chiama fede?

Solo perché in proposito la gente

“pure si a vorte nun capisce gnente”

vo’ rinuncia’ a pensa’, così ce crede?

 

Io penso invece che si cià creato

cor cervello che sta ne la capoccia,

è solo pe’ spremello goccia a goccia

e a nun fallo staressimo in peccato!

 

Provateve a invità un povero a pranzo

e nonostante tutta la cuccagna

quello la guarda solo ma nun magna,

manco j’aveste dato quarche avanzo.

 

Ar vede’ questo, come rimanete?

Quer pranzo, che è er cervello, “ecco l’ntesa!”

l’addoprerei pe’ nun recaje offesa

pure si in fonno nun me sento un prete.

 

E questo prova -dar tempo der pomo-

che la forma de ogni religgione

rispecchia er giusto, ma è ‘no zibbardone

impapocchiato come volle… l’òmo!

 

 

Altre opere di questo autore