LA FEDE CHE NUN CAPISCO

 

 Mo pijo la penna in mano, adesso scrivo.

Scrivo come sa fa’ solo un poveta

su la vita che scappa tra le deta

senza rennete conto der motivo

che te costrigne a anna’ finché te fermi...

ridai l’anima a Dio... o carne a li vermi ?                                              

 

Sarà forse un parla’ da miscredente.

Però, come se fa ad avecce fede

quanno che vedi quello che se vede

e sai che nun s’approda propio a gnente,

solo perché mijoni de persone

stanno a lo scuro, senza ‘na raggione.

 

Quer Dio, -si c’è- che dicheno perfetto,

“questo è er momento che la mente cede”

ha fatto l’òmo esposto a la mercede

de l’istinto bestiale, basso e gretto.

E si fu Lui, cià avuto l’aroganza

de dì’ che fosse a propia somijanza?

 

Si l’òmo veramente j’assomija,

che ho da pensa’, che ce l’ha fatto apposta?

Allora è bell’e pronta la risposta:

ha frabbicato propio ‘na famija

de la razza peggiore che se trova.

E quello che se vede ne è la prova!

 

Percui, viene spontaneo un pensiero:

nun fu quer giusto che se va dicenno.

O forse invece fu che er Padreterno

voleva er bianco ma j’è uscito er nero?

Che pure Dio è passibbile de sbajo

e pò commette pure quarche guaio?

 

Si nun me perdonate quanto ho detto

co’ la scusa, -vabbè’- che so’ blasfemo,

io ve posso capì ma, nun so’ scemo.

Vabbè’, ciavrò er pensiero assai ristretto;

me dispiace la puzza de l’incenso...

Ma ciò un cervello! E già che ce l’ho...Penso          

 

Altre opere di questo autore