Er somaro a... cavallo

-Vado a cavallo pe’ smarti’ la panza.

E poi me tocca a fallo,

me l’ha detto er dottore:

ogni matina, armeno pe’ un par d’ore.

E si ar maneggio nun c’è più un cavallo,

-e questo nun è raro- ciò la costanza

de annammene a cavallo de un somaro.-

 

Vado più piano?

Embè, ce monto su

pe’ quarche oretta in più

armeno er sagrificio nun è vano.-

 

-Ciò un dubbio che me devi da spiegallo:

dichi vado a cavallo e me sta bene.

Doppo er somaro monti

e allora m’aricconti

che stai pe’ anna’ a cavallo de un somaro.

 

Ner primo caso,

-scusa si metto er naso-

che vai forse a somaro de un cavallo?

 

Percui ner caso appresso

senti che dico adesso: amico caro,

nun pòi montalli assieme.

Pòi di’: vado a somaro!

 

                                      

 

 

 

 

 

Altre opere di questo autore