Li sogni

Er pupo se insognò mentre dormiva                      

l’angeli co’ le fate. Ma però,

se risvejò co’ un aria assai giuliva

e la zinna de  mamma se succhiò.

 

Er giovane ner sogno invece vede

na donna bella che nun vo’ moneta,

ma che p’amore tutto je concede.

E se baciò la punta de le deta.

 

L’òmo maturo se insognò un imbrojo:

lui stava passeggianno a li giardini

e pe’ tera trovò un ber portafojo,

ma, je presero fòco li quadrini.

 

Er vecchio sognò invece che a momenti

se stava pe’ magna’ un piatto de trippa.

Se vidde rispunta’ tutti li denti

ma, se svejò e se fumò la pippa.

 

 

Altre opere di questo autore