La scerta

Su un filo d’erba un grillo

se dondolava la pellaccia stracca,

quanno che -manco a dillo-

passò de lì ‘na vacca

 

che a bocca spalancata

propio come si fosse ‘na fornace

magnava l’erba prata.

Ma er grillo fu capace

 

-doppo d’ave’ pensato: me la svicolo-

de tommola’ da un lato.

Evitò sì er pericolo

però ‘sto sciagurato,

 

cascò ner becco a un ucellaccio nero.

Prima d’esse magnato

je balenò un pensiero:

-Ma guarda, te si che destino ingrato;

 

guarda che brutta sorte!

Oggi è sicuro, de mori’ me tocca.

Ma, dato che la morte è sempre morte,

aoh... me so’ scerto la bocca!

 

 

 

Altre opere di questo autore