Er testamento mio

Sto pe’ mori’ ner fonno de ‘sto letto

e m’è venuto in mente ‘sto momento

d’esse sincero e de fa’ testamento

e di’ le cose che nun ho mai detto.

 

Che nun lassavo un cazzo a li parenti

lo dissi in gioventù, da opportunista.

Mo che l’età me priva de la vista;

che m’ha fatto casca’ tutti li denti,

 

vojo lega’ a mi’ moje che m’adora

tutte le gioie che m’ha dato in vita;

faje sape’ che nun l’ho mai tradita

co’ ‘sto respiro mio de l’urtim’ora.

 

Però, de questo nun me fo garante.

Poiché quarche fregnaccia tocca dilla:

-ma che mi’ moje nun abbia a sentilla-

detto tra noi, io ancora ciò l’amante.

 

Lasso a li fiji mia tutto l’affetto

che m’hanno dato quanno stavo bene

ma, je vojo lassa’ pure le pene

che me danno da quanno che sto a letto.

 

Lasso a l’amichi tutti li mijoni

che m’hanno dato in caso de bisogno.

Mo che lo posso di’ e nun me vergogno:

me n’hanno dati tanti de... cojoni.

 

quarche cosa da lassa’ a lo stato.

Tanto si c’è da fa’ la successione

li vòle e pure senza discusione,

tutti li sòrdi che nun m’ha fregato.

 

Lasso pure a ‘sta vita che m’ha dato

gioia e dolori, sì,  je lasso tutto 

e vado a fa’ quattr’ossa de preciutto.

Ah, e la memoria a chi me s’è scordato.     

                                                                                 

Altre opere di questo autore