L'eredità spartita

Poiché er defunto nun lassò premesse,

dovennose sparti’ l’eredità,

er parentato prese a litiga’

pe’ er solito motivo:  l’interesse!

E fu così che da bòni cristiani

se sbranòrno tra loro come cani.

 

Finché quarcuno, forse er più prudente

disse: -Pensate un po: pe’ du’ scuregge

se stamio pe’ mena’. Ma c’è ‘na legge

che ce difenne a tutti egregiamente.-

E allora tuttoquanto er parentato

ognuno se ne annò da un avvocato.

 

Fu ar fijo der morto che je scappò detto

a l’avvocato che già s’era scerto.

Je disse: -Avvoca’, lei pò sta’ certo,

che come discennente più diretto,

me spetta quasi tutto dar momento

che nun esiste manco er testamento.-

 

L’avvocato rispose: -Io nun dubbito

che quello che m’ha detto è verità.

Allora, -armeno pe’ commodità-

sarà opportuno che je dica subbito

che pe’ istrui’ er processo a ogni bòn conto,

me deve mille euri come acconto.-

 

‘Sta storia, che cià tanti precedenti

dice: chi cià bisogno de un legale

ha da impronta’ le spese. E, bene o male

cianno abboccato tutti li parenti;

tutti convinti d’ave’ bòn diritto

dato ch’er morto nun lassò ‘no scritto.

 

Ma quanno se trovòrno in tribunale                                   

quelli sett’otto prìncipi der foro,

se misero d’accordo tra de loro

dicenno: -Allora, è più che naturale

che siccome tra noi nisuno è fesso

sett’anni armeno ha da dura’ er processo.-

 

E fu così che tutti ‘st’avvocati,

mentre l’eredi staveno tranquilli,

tra un mar de quiproquò e de cavilli

intanto ce magnaveno beati.

S’ereno fatto er conto ‘sti marpioni:

c’ereno in gioco un pacco de mijoni.

 

Finché, giunti a la fine der processo,

l’avvocati ognuno ar su’ criente,

je volle fa’ sape’ che espressamente

er giudice decise, ar tempo stesso,

-pensanno forse a dilui’ li mali-

che nun se dividesse in parti uguali.

 

Percui lui, pe’ fa’ le cose oneste;

pe’ sparti’ bene quell’eredità

e inortre, pe’ nun falli litiga’

le decisioni prese... embè, so’ queste:

seconno er grado de la parentela,

così nun ce pò esse’ lamentela.

 

Ar parentato nun je sembrò vero

doppo sett’anni e più d’uscinne fòra.

Sia pure a denti stretti, tutti allora

accettòrno er giudizzio a còr leggero.

Perché più giusta quella decisione

nun la pijava manco Salomone.

 

Siccome tutti aveveno raggione,                                           

le spese der processo -sarvognuno-

je toccò de pagalle un po’ per uno

e ognuno ce restò come un fregnone,

che a conti fatti, pe’ pote’ paga’

ereno poche dieci eredità.

 

‘Na frase, -si nun falla la memoria-

che disse “uno” ne li tempi annati:

-Povera Italia in mano a l’avvocati!-

E fu ‘na frase che passò a la storia.

Ma er morto la sapeva e fu contento

de nun lassallo apposta er testamento.

Altre opere di questo autore