Distanze (satira)

Er cammeriere der Marchese Brija

-servitore integgerimo e fidato-

è ritenuto da tutto er casato

propio come si fosse de famija.

 

Perché prima de lui a servi’ er casato,

so’ stati tutti l’antenati sui,

-stirpe de servitori- perciò lui,

pensa come si lì ce fosse nato.

 

Morì su’ madre e a straporta’ er fardello

assieme ar servitor fedele e onesto,

pure er Marchese c’era e disse questo:

-Ner dolore me sento tu’ fratello!-

 

E er servitore: -ma senza arroganza-

-Te do der tu si mi’ fratello sei.-

-Vabbè’ ma io te devo da’ der lei

pe’ nun scordasse mai de la distanza!-

Altre opere di questo autore